Image
Top
Me
4 aprile 2020

Leadership e Impegno – UNI EN ISO 9001:2015

Oggi voglio parlarti delle certificazioni ISO e nello specifico del capitolo 5 della nuova ISO 9001:2015, titolato “Leadership”.

Il capitolo si compone di tre paragrafi:

5.1 – Leadership e impegno

5.2 – Politica

5.3 – Ruoli, responsabilità e autorità nell’organizzazione

In questo approfondimento illustreremo di cosa il top management dovrà farsi carico per rispondere a questo punto della norma.

Tra le novità introdotte dalla UNI EN ISO 9001:2015 rispetto alla precedente, troviamo anche l’assenza della necessità di designare un Rappresentante della Direzione.

La vecchia 9001 imponeva di individuare un Rappresentante della Direzione in “un membro della struttura direzionale dell’organizzazione”. Questo requisito, in molte PMI era totalmente assurdo, al punto che il titolare dell’azienda assumeva quasi sempre il ruolo di Rappresentante della Direzione per poi delegare l’operatività al “Responsabile Qualità “, privo di qualsiasi potere e risorsa per una “reale” conduzione del sistema.

Questo, naturalmente, non significa che le organizzazioni non potranno più avere una figura simile ma, semplicemente, che essa non è più richiesta dalla norma.

Cosa cambia?

Dal punto di vista pratico, nulla: la Direzione continuerà a fare la Direzione e il Responsabile Qualità continuerà a fare il Responsabile Qualità.

La differenza è che la Direzione potrà chiamarsi Direzione (e non Rappresentante della Direzione) e la confusione generata da Rappresentanti della Direzione del tutto privi di rappresentanza finalmente terminerà.

Cosa dovrà esattamente fare l’altra direzione?

Dovrà assegnare, comunicare e garantire che siano comprese all’interno dell’organizzazione le responsabilità dei referenti di processo o Process Owner.

Dovrà dimostrare impegno facendosi carico degli obiettivi individuati. Una volta individuati i processi, le metriche o più comunemente chiamati indici di prestazione, le risorse necessarie e i tempi utili per il raggiungimento degli obiettivi dovrà monitorare, richiamare all’attenzione i responsabili coinvolti nel processo. I responsabili dovranno fornire una reportistica utile per individuare l’andamento del singolo processo.  Queste attività di controllo vengono definite anche check periodici (che non coincidano con il riesame della direzione annuale, in quanto dopo un anno potremmo aver raggiunto l’obiettivo con largo anticipo oppure essere talmente distanti dal non poter intraprendere azioni correttive o di mitigazione). Quindi consiglio all’alta direzione almeno semestralmente di verificare con i process owner individuati l’andamento del sistema di gestione attraverso dei check periodici.

5.2 – Politica

 

Il documento di politica può essere allineato alla Vision ed alla Mission aziendale, non deve essere un documento statico ma che varia in base alla strategia perseguita. Può essere un documento integrato per rispondere al punto norma degli schemi Qualità, ambiente e sicurezza. La politica deve essere disponibile, comunicata e fruibile alle parti interessate. Molti per rispondere a questo punto decidono di pubblicarla sul sito internet.

Non esiste Politica se la Direzione non è in grado di redigerla e trasmetterla. In poche parole, le persone non credono ad un testo scritto ma alle azioni che vedono quotidianamente e che vengono avallate dal management.

Il concetto che dovrete far passare, dunque, è che sarà del tutto inutile riempire un foglio di belle parole se poi non si ha l’intenzione di mettere in pratica quanto è stato scritto.

Meglio procedere per gradi ma fare tutto ciò che promettiamo sulla carta.

La prima cosa da fare sarà quella di abbozzare i contenuti della Politica tramite una breve intervista alla Direzione che sarà così articolata:

Dove vuole essere fra due anni grazie al lavoro di questa azienda? Perché?

Come pensa di arrivarci? In quale modo pensa che la Qualità potrà supportarla in questo lavoro?

Se il botta e risposta sarà stato sincero e costruttivo, avrete in mano tutti gli elementi che vi servono per preparare una Politica della Qualità realistica e facilmente assimilabile da chiunque lavori nella vostra organizzazione.

 

Seguimi sui canali social oppure invia una mail al mio indirizzo info@sicurgeo.it per una prima consulenza gratuita.

Condividi con: