Image
Top
Me
1 novembre 2017

Rischio sostanze chimiche.

Lettura: 3 '
373 Visualizzazioni

ROMA – Campi in erba sintetica e granuli di gomma riciclata.

È stata pubblicata da Echa e sintetizzata dall’Helpdesk Reach del Ministero dello Sviluppo Economico la valutazione che la stessa Agenzia Europea per le sostanze chimiche ha compiuto sul rischio che la gomma riciclata dei campi possa rilasciare sostanze chimiche.

La valutazione è stata compiuta da Echa su richiesta della Commissione Europea e sulla base delle informazioni disponibili ha concluso il livello di preoccupazione per il rischio in esame è molto basso.

Ovvero:

  • “il basso contenuto di IPA nei campi sportivi realizzati in Europa;
  • il contenuto di metalli è al di sotto dei limiti consentiti dalla normativa attuale sui giocattoli;
  • le concentrazioni di ftalati, benzotiazolo e metilisobutilchetone sono inferiore a quelle che destano preoccupazione”.

Echa, segnala che in caso di campi da gioco coperti i composti organici volatili potrebbero causare irritazione oculare e cutanea.

Finanziamenti sicurezza e riqualificazione scuole, avviso pubblico Miur

Proposte progettuali per la messa in sicurezza e la riqualificazione delle scuole pubbliche. È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione un avviso pubblico PON 2014-2020, FESR, per il finanziamento di interventi destinanti alla riqualificazione delle scuole e a migliorarne l’accessibilità. Avviso destinato agli enti locali delle seguenti regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

Il bando mette a disposizione complessivamente 350 milioni di euro, con dotazione suddivisa per regioni i questo modo: Basilicata 16.555.000, Calabria 53.655.000, Campania 101.815.000, Puglia 62.755.000, Sicilia 115.220.000. Incentivi assegnati per graduatoria e fino ad esaurimento delle risorse.

Le due tipologie di intervento in dettaglio sono: A messa in sicurezza dell’edificio; B accessibilità, efficientamento, attrattività e spazi per sport e laboratori. Per quanto riguarda la prima tipologia, messa in sicurezza, le opere potranno interessare: adeguamento e miglioramento sismico, interventi locali, impianti e agibilità, bonifica amianto.

Le candidature possono riferirsi a uno o più interventi per una o per entrambe le tipologie. Massimale per tipologia A 2.500.000 euro, B 700.000, per entrambe 3.200.000. Previste tempistiche massime per la realizzazione degli interventi basate sull’entità del finanziamento.

Queste le date: dal 28 settembre sarà possibile l’accreditamento degli enti al sistema informativo; dal 18 ottobre al 30 novembre presentazione delle domande.

Fonte: http://www.quotidianosicurezza.it/formazione/bandi/bando-sicurezza-scuole-miur-2017.htm

Omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori, sanzioni, circolare Inl

ROMA – Omessa sorveglianza sanitaria. Pubblicata dall’Ispettorato del Lavoro la circolare n.3 del 12 ottobre 2017 che riporta Indicazioni operative sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori. Circolare riguardante il personale ispettivo, che riassume gli articoli del Testo unico per la sicurezza sul lavoro ai quali riferirsi per la sanzione.

I riferimenti elencati dal documento sono:

art. 18 comma 1 lettera c): valutazione salute e capacità del lavoratore per compiti specifici indipendentemente dai rischi dell’ambiente di lavoro;

art 18 comma 1 lettera g): tutti i casi con obbligo di sorveglianza sanitaria;

art. 18 comma 1 lettera bb): lavoratore sottoposto a sorveglianza e già adibito a mansione nonostante sia in attesa di idoneità dopo visita.

“Si ricorda da ultimo che, come precisato con la circolare n. 33/2009 (alla quale si rinvia per ogni ulteriore chiarimento), l’accertamento delle violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro deve avvenire “nel rispetto delle competenze in tema di vigilanza” in forza dell’art. 13 del d.lgs. n. 81/2008. Pertanto, qualora l’omessa sorveglianza sanitaria sia riscontrata in settori diversi dall’edilizia, gli ispettori del lavoro devono comunicare la notizia di reato all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 347 del c.p.p.”.

Fonte: http://www.quotidianosicurezza.it/approfondimenti/sostanze-chimiche-approfondimenti/campi-erba-sintetica-rischio-sostanze-chimiche.htm

Condividi con: